/** * @subpackage LightBreeze v1.7 HM01J * @copyright Copyright (C) 2010-2013 Hurricane Media - All rights reserved. * @license GNU General Public License version 2 or later; see LICENSE.txt */ defined( '_JEXEC' ) or die( 'Restricted access' ); $LeftMenuOn = ($this->countModules('position-4') or $this->countModules('position-5') or $this->countModules('position-7')); $RightMenuOn = ($this->countModules('position-6') or $this->countModules('position-8')); $TopNavOn = ($this->countModules('position-13')); $app = JFactory::getApplication(); $sitename = $app->getCfg('sitename'); $sitetitle = $this->params->get('sitetitle'); $sitedescription = $this->params->get('sitedescription'); $logopath = $this->baseurl . '/templates/' . $this->template . '/images/logopdo.png'; $logo = $this->params->get('logo', $logopath); $logoimage = $this->params->get('logoimage'); ?> Un Allenatore del Treviso di Rugby racconta il Topolino

Un Allenatore del Treviso di Rugby racconta il Topolino

Tratto da facebook

di Pietro Spigoli La Noce.

Sono l'allenatore di 40 bambini dell' under 8 della Benetton Rugby Treviso

Ieri abbiamo vinto il Trofeo Topolino edizione 2016 I squadra classificata (su128 squadre vedete voi).

Sono 20 anni che alleno, mai avrei pensato di poter arrivare fino a qui...
Ho sempre allenato con entusiasmo, gioia, amore verso i bambini ma sempre con molta molta umilta', tanto e' che, a chi continuamente mi diceva che siamo i piu' forti in assoluto, sorridevo rispondendo, facciamo del nostro meglio, speriamo bene...
Ogni genitore conosce il proprio figlio, non conosce tutti i 40 bambini che alleno, io conosco tutti quei bambini uno per uno, i loro problemi, i loro penseri, le loro paure, le loro gioie, cosa mangiano e cosa non mangiano, le loro barzellette a volte senza senso, i loro sorrisi, i loro pianti quando, su un placcaggio ricevono una botta, il sangue che esce da un dentino da latte staccato dopo una gomitata...li conosco bene, tutti, non perche' sono uno psichiatra o qualcosa del genere, perche' li “sento”, questa, credo, e' l'unica differenza di chi allena e di chi, invece, educa alla vita...
Sento quando un bambino e' a disagio o quando non e' perfettamente in forma, non so' dirvi il perche' ma lo sento, lo vedo, lo intuisco...e questo che io chiamo, fortunato dono, deriva solo ed esclusivamente da un solo organo: il CUORE.

Voglio bene ai quei bambini come se fossero miei, so che, se qualche volta alcuni di loro non li seguo come gli altri, comunque mi rispettano e mi vogliono bene, questo lo sento, lo percepisco, tanto e' che trovo comunque il tempo anche per loro, come per gli altri, cercando di non abbandonare nessuno al proprio destino, basta prenderli per mano, “sentire” di cosa hanno bisogno e trascinarli con decisione nella giusta strada...quella del gioco per divertimento, per passione, per altruismo...
Quest'anno e' stato “speciale”, ho visto delle trasformazioni importanti, in molti bambini: chi non passava mai la palla, la passa, chi non placcava, placca, chi non si rialzava scatta in piedi, chi non voleva correre, accelerare, chi voleva giocare sempre sulla squadra “A”, accettare le mie scelte con gioia, giocando sempre ad alti livelli in qualsiasi squadra, bambini che non volevano venirsi ad allenare, implorare le mamme di portarli anche con la febbre....

Ricordo tutto, vedo tutto, non mi sfugge nulla di questi bambini, bambini che vengono ad allenarsi con la febbre, bambini che giocano fasciati per dolori alle gambe, correre e placcare soffrendo, ma giocano! Bambini malati che vengono a vedere la loro squadra sostenendola, sempre e comunque, bambini che portano le caramelle solo cosi' perche' gli va....allora anche se non vincevo il Trofeo Topolino con la mia Under 8, io la mia vittoria l'avevo gia' avuta, questi bambini mi hanno ricambiato di tutto il loro amore e rispetto di quanto ne hanno ricevuto, io SO' di aver dato loro tutto quello che potevo riferito all'affetto, alla tecnica di gioco, al rispetto e, soprattutto, all'umilta' di rimanere bambini....

In squadra, quest'anno, ho sempre avuto difficolta' a far giocare, Fiji (soprannomi) piuttosto che Samoa, Goku, piuttosto che Ughetto, Pivo, piuttosto che Jack, Miami piuttosto che Greg o Giorino al posto di Giada ecc..., questo perche' tutti, ripeto, tutti, hanno sempre giocato al 1000 x 100 in campo, ricambiando quello che a loro chiedevo: dare il massimo, come nel Rugby, nella vita, cosi' e' ragazzi, dicevo loro nei famosi “cerchi” pre-gara, se volete diventare dei campioni, dovete avere sempre voglia di vincere, di emergere, di essere primi, nello sport, nel lavoro, nella scuola, negli affetti, li ho fatti giurare con le mani sopra un pallone ovale, che non avrebbero MAI tradito questi princpi di VITA e DI SPORT, MAI, giurate a Voi stessi che darete il massimo, cosicche', se qualcuno durante i vostri brillanti giorni di vita, dovesse offendervi dicendovi, sei un rammollito, Voi gli battete la spalla con affetto e gli sorridete, andandovene via...Voi sapete quanto valete, io anche, questo basta....

Per ultimo e lo scrivo volontariamente, quest'anno ho avuto l'opportunita' di avere un piccolo neozelandese in campo, bimbo di 7 anni, che ha lasciato la scuola di Auckland, i suoi piccoli amici, i suoi affetti, la sua lingua, le sue certezze e il suo “flag rugby” (rugby senza placcaggio) per approdare in una terra sconosciuta, lingua sconosciuta, nessun amico, nessun affetto nessun riferimento, se non quello dei genitori, ed un rugby con placcaggio...
Questo bimbo ha seguito il lavoro del padre, anch'egli un giocatore di rugby, ed e' venuto ad allenarsi con il nostro gruppo Under8 a settembre scorso.
Ha imparato a placcare, piangendo e vincendo la paura, ha imparato ad esprimersi molto a gesti e poco con la lingua, ha trovato decine di amici in squadra che lo hanno amato da subito, poiche' e' un bambino anche lui...
Io ho cercato di farlo sentire a casa sua da subito, poiche', “sentivo” il suo enorme disagio nell'affrontare tutto...nel momento in cui questo bimbo si e' accasato con la nostra Under8, ha cominciato a giocare bene, a sorridere, a fare qualche scherzetto ai suoi amici, tipico di un bimbo della sua eta', si era affezionato a noi, a me, al gruppo, alla squadra, alla maglia, all'Italia....
Poi la notizia che, a giugno, sarebbe tornato in Nuova Zelanda, per sempre...non lo avremmo visto mai piu'...lui lo sa, ed ogni volta che ce lo dice, arruffa la bocca e soffoca un pianto....

Ieri abbiamo vinto il Trofeo Topolino Under8, finita la partita con 9 mete a 0, i giornalisti mi hanno fermato e mi hanno chiesto a chi dovevano dare il Trofeo Man of The Match, io ho detto a loro di aspettare un attimo, glielo avrei detto dopo 5 minuti.

Ho preso i bambini, li ho messi in cerchio, li ho guardati e gli ho parlato con il cuore, con la verita' sulle mani, come ho sempre fatto, come sempre faro', loro, cosi', capiscono che sto gli dicendo la verita' e che sto parlando con il cuore, non con la bocca....ho detto a loro che dovevamo decidere a chi dare il premio per il miglior giocatore, abbiamo vinto tutto quello che potevamo vincere, siamo felici tutti, se dovessi dare un premio al miglior giocatore a chi lo darei? Tutti siete stati ENORMI, chi spinge, chi placca, chi corre, chi segna mete, tutti abbiamo lavorato in campo per un unico scopo: questa meravigliosa coppa e la leggenda nella storia del Topolino.
Questo premio io non riesco a darlo a nessuno, se non a uno solo di Voi che lo terra' per sempre nel cuore in ricordo di questi momenti speciali e unici che abbiamo vissuto....
Mi allontano dal loro e, dopo circa 1 minuto, Elia, si avvicina e mi dice, lo diamo a Noha (il bambino neozelandese) perche' non lo rivedremo mai piu', cosi' si ricodera' di noi per sempre...ho abbracciato Elia e ho pianto...questo e' quello che Vi ho trasmesso, questa e' la mia vittoria, le coppe e le targhe sono plastica e ferro...

GRAZIE BAMBINI UNDER 8 MI AVETE RESO FELICE....E NON E' POCO...

IL VOSTRO ALLENATORE PIETRO.